Seconda pagina

Gioco di sguardi
È nato per caso da come mi guardi e
Come ti guardo quando ti arrabbi
Tu che sorridi
I tuoi occhi mi dicono cose che non sai nemmeno
Tipo che ti amo
Tipo che tremo
Quando ti vedo
Sai già che ho bisogno di te a fianco
Sai già che con te ho rivisto il bianco
Tieni la mano
Stringila forte
Parlami ancora
Ho vuoti di memoria
Ma con te una parola
Vale più di mille messe assieme
Vale più di lasciarsi cadere
Vale più di ogni altra cosa che non passa
Vale più di quanto vale la mia faccia
La tua faccia è così bella
Che fa sentire bello anche me
Proprio me
Anche se rimango solo
Non mi ci sento se penso a te
Penso che
Si siamo diversi
Sai che gli opposti si attraggono
Noi siamo il diavolo e l’angelo
Io le tue foglie tu l’albero
Tu la città io la periferia
Mi fai sentire nella terra mia
Perché con te sono a casa
Perché tu sei la mia casa
Casa mia
Sai già che ho bisogno di te a fianco
Sai già che con te ho rivisto il bianco
Tieni la mano
Stringila forte
Parlami ancora
Ho vuoti di memoria
Ma con te una parola
Vale più di mille messe assieme
Vale più di lasciarsi cadere
Vale più di ogni altra cosa che non passa
Vale più di quanto vale la mia faccia
Vale più di mille messe assieme
Vale più di lasciarsi cadere
Vale più di ogni altra cosa che non passa
Vale più di quanto vale la mia faccia